CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Benvenuto - Welcome
CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Il salotto virtuale dove discutere di grande CICLISMO - Iscriviti e condividiamo tutti la PASSIONE per il CICLISMO


Passaporto biologico e derivati

Condividi
avatar
eliacodogno
Tirreno-Adriatico
Tirreno-Adriatico

Messaggi : 885
Numero di Crediti : 4241
Reputazione CicloSpassionata : 184
Data d'iscrizione : 30.07.13
Età : 31
Località : Susa (TO)

Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da eliacodogno il Ven Gen 31, 2014 12:07 pm

Non so dove inserire questa riflessione, per me abbastanza condivisibile, che Enzo Vicennati ha fatto su facebook a proposito del caso Pellizotti, quindi apro una discussione più ampia
"Mi fa male lavorare al Super Carnet di Bicisport. Perché poi capita che arrivi a scrivere i dati della Europcar, dopo aver casualmente sistemato quelli della Androni. E vedo da una parte Pierre Rolland in una squadra WorldTour e dall'altra Franco Pellizotti che, a causa della severità dell'Mpcc, è tornato con Savio, in un team rispettabilissimo, e non è potuto stare nell'Astana.
Pellizotti non è stato ammesso nel WorldTour perché non sono ancora passati i due anni di purgatorio aggiuntivo rispetto alla scadenza della sua squalifica.
Rolland è ancora nel WorldTour sebbene alla vigilia dell'ultimo Tour avesse livelli anomali di cortisone, non abbia spiegato tutto sommato nulla e il Tour l'abbia pure corso.
Tutto normale? Dicono di sì. Uno è italiano. L'altro no."


************************


Davide

meazza
E3 Harelbeke
E3 Harelbeke

Messaggi : 1236
Numero di Crediti : 5208
Reputazione CicloSpassionata : 113
Data d'iscrizione : 13.10.13

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da meazza il Ven Gen 31, 2014 6:49 pm

Ma il controllo di Rolland non era un controllo antidoping..
ne un valore del passaporto biologico..

Per curiosita' quanti corridori sospesi per epo , emotrasfusioni o passaporto biologico corrono nelle squadre francesi ?
Se era francese , Pellizotti era gia' 3-4 anni che non correva piu'
come i vari Di Luca , Scarponi ecc

perche' i Taillefer , Naibo , Georges ecc si son anche in Francia ma la se viene beccato smetti
avatar
eliacodogno
Tirreno-Adriatico
Tirreno-Adriatico

Messaggi : 885
Numero di Crediti : 4241
Reputazione CicloSpassionata : 184
Data d'iscrizione : 30.07.13
Età : 31
Località : Susa (TO)

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da eliacodogno il Mer Mar 19, 2014 10:37 am

Non trattandosi di positività non sapevo dove inserire
Henao sospeso


************************


Davide
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23584
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da BenoixRoberti il Ven Ago 22, 2014 11:47 am

Girava voce da tempo su una indagine dei suoi valori.
Non si capisce se è una iniziativa della squadra o la conseguenza ufficiosa dell'indagine Uci sul passaporto biologico, o una procedura indotta dal MPCC.
Francamente, se fosse una iniziativa preventiva della squadra sarebbe una gran bella cosa ed l'inizio di una nuova strada nell'approccio alle problematiche dei valori fuori norma, che eviterebbero il tritacarne mediatico.
Mi auguro vivamente che la cosa stia così e che il futuro di prevenzione e tutela della salute ci cancelli le decine di cacce alle streghe ed i soliti suicidi tormentoni di fango sul nostro sport.

Che i valori siano sballati per dubbie pratiche o per reali problemi di salute, l'importante è che il corridore stia fermo e guarisca rientrando nella norma. Sarebbe un passo di grande civiltà.
http://www.gazzetta.it/Ciclismo/22-08-2014/vuelta-horner-stop-fermato-cortisolemia-lampre-merida-mpcc-bronchite-tue-conti-90213890208.shtml

Se fosse sempre così avremmo risolto molti problemi, o almeno ridotto sensibilmente l'impatto del fango e ... soprattutto ... tolto lavoro ai cacciatori di streghe come Capodacqua, gente di cui non abbiamo bisogno.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

apache
Gand-Wevelgem
Gand-Wevelgem

Messaggi : 309
Numero di Crediti : 2731
Reputazione CicloSpassionata : 57
Data d'iscrizione : 03.08.13

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da apache il Sab Ago 23, 2014 1:35 am

Certo che se si fosse saputo 10 giorni prima la notizia avrebbe suscitato meno clamore (e meno ipotesi di stop ad orologeria).
In fondo era il campione uscente.


************************


Pippo Pozzato è un personaggio mitologico di twitter, come Not Mauro Vegni

meazza
E3 Harelbeke
E3 Harelbeke

Messaggi : 1236
Numero di Crediti : 5208
Reputazione CicloSpassionata : 113
Data d'iscrizione : 13.10.13

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da meazza il Dom Ago 24, 2014 8:20 pm

@BenoixRoberti ha scritto:Girava voce da tempo su una indagine dei suoi valori.
Non si capisce se è una iniziativa della squadra o la conseguenza ufficiosa dell'indagine Uci sul passaporto biologico, o una procedura indotta dal MPCC.
Francamente, se fosse una iniziativa preventiva della squadra sarebbe una gran bella cosa ed l'inizio di una nuova strada nell'approccio alle problematiche dei valori fuori norma, che eviterebbero il tritacarne mediatico.
Mi auguro vivamente che la cosa stia così e che il futuro di prevenzione e tutela della salute ci cancelli le decine di cacce alle streghe ed i soliti suicidi tormentoni di fango sul nostro sport.

Che i valori siano sballati per dubbie pratiche o per reali problemi di salute, l'importante è che il corridore stia fermo e guarisca rientrando nella norma. Sarebbe un passo di grande civiltà.
http://www.gazzetta.it/Ciclismo/22-08-2014/vuelta-horner-stop-fermato-cortisolemia-lampre-merida-mpcc-bronchite-tue-conti-90213890208.shtml

Se fosse sempre così avremmo risolto molti problemi, o almeno ridotto sensibilmente l'impatto del fango e ... soprattutto ... tolto lavoro ai cacciatori di streghe come Capodacqua, gente di cui non abbiamo bisogno.
Concordo con te
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23584
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da BenoixRoberti il Dom Ago 24, 2014 8:27 pm

Non l'avrei mai detto che su questi argomenti avremmo trovato una sintesi.
Forse questo la dice lunga e in positivo sulla strada imboccata.

Non stravedo per il MPCC, anche perché è assurdo che si sovrapponga alle regole ufficiali dell'Uci, ma se doveva dare la stura ad una nuova strada, allora dico "BEN VENGA", anche perché si parla veramente e sostanzialmente di tutela della salute e non di "antidoping", che nel passato (e ancora in quello molto prossimo) ha lasciato molti dubbi di corruzione e discrezionalità.

Forse possiamo dire che siamo sulla strada giusta. Speriamo.
Un piacere essere d'accordo con te, una bella sorpresa Very Happy 

Ps. Comunque concordo con Apache che i tempi per la vicenda di Horner sono stati ancora assurdi. Un malato non doveva arrivare sino in Spagna, lasciando comunque un alone di dubbio.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23584
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da BenoixRoberti il Mer Nov 25, 2015 1:09 pm

Ritorna il passaporto biologico e dal Portogallo, che ad agosto ha sottoscritto il nuovo protocollo con la Wada, giunge notizia di 10 o 11 probabili profili irregolari. Ben 5 o 6, uno è ancora in valutazione, riguardano il ciclismo.
La ufficializzazione della eventuale apertura delle procedure di sospensione avverrà a dicembre.
http://www.abola.pt/nnh/ver.aspx?id=583517


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.
avatar
eliacodogno
Tirreno-Adriatico
Tirreno-Adriatico

Messaggi : 885
Numero di Crediti : 4241
Reputazione CicloSpassionata : 184
Data d'iscrizione : 30.07.13
Età : 31
Località : Susa (TO)

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da eliacodogno il Ven Dic 04, 2015 3:25 pm

Al di là dell'interpretazione dei dati (io non sono preparato per dire se sono sensati, coerenti, verosimili), cosa pensate del tentativo di operazione trasparenza di Froome? A me pare che questo affannarsi a dimostrare l'indimostrabile sia l'assist perfetto per un futuro, certo autogol.

E infatti già qualcuno ha fatto ovvie considerazioni https://twitter.com/oufeh/status/672449128404803585


************************


Davide

meazza
E3 Harelbeke
E3 Harelbeke

Messaggi : 1236
Numero di Crediti : 5208
Reputazione CicloSpassionata : 113
Data d'iscrizione : 13.10.13

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da meazza il Ven Dic 04, 2015 7:07 pm

Sottoscrivo
Mi sembra un autogol clamoroso
Se tu dai dei dati.. parleranno di quelli , anche se credi di esser nel giusto
Mentre se tu tieni nascosto , chiunque suppone

Ricordo Horner , visti i dubbi sulle sue performance.. trasmise alcuni suoi dati del passaporto biologico..
Fece un enorme autogol

Froome faceva bene a non trasmettere nulla
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23584
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da BenoixRoberti il Ven Dic 04, 2015 7:34 pm

Posso dirvi che quei differenziali, non oso chiamarli sbalzi, sono (ahimè) comuni ai vari atleti?
Io non penso che quei valori di Froome siano normali, umani, ma la cosa non mi sorprende per nulla.
Il passaporto biologico assieme ad altri parametri controllati (reticolociti, ecc,) considera gli sbalzi nel breve termine. La vicenda di Schwazer e quelle email di preoccupazione scambiate fra l'atleta ed il medico Fiorella sono indicative sulle problematiche che gli atleti affrontano.

Aldilà delle problematiche "fiscali", chiediamoci perché oggettivamente i nostri atleti risiedono all'estero.
C'è una pratica che in Italia è vietata dalla legge 376/2000 e che all'estero è assolutamente regolare o tollerata.
La tenda ipossidica è fondamentale per mantenere o regolare, nella tolleranza ammessa, l'oscillazione dei valori ematici. E non credo sia necessario dire altro.
Il problema grosso è che vivere in tenda è un sacrificio enorme e motivo di grande stress. E' difficile vivere un anno intero in tenda. Quindi l'attività in altura serve a interpolare le oscillazioni "naturali" con quelle che lo sono meno.
Nonostante questo, va detto che la libertà d'azione dei ciclisti è molto inferiore a quella di altri sport, certamente inferiore al quasi neonato passaporto biologico dell'atletica (per quanto abusato dalla molto probabile corruzione) come pure di quello della Fis per i fondisti.
In nuoto, calcio e rugby siamo ancora nella giungla totale, e lì i medici dicono che servirebbe molto un passaporto steroideo.

Qualche mese fa ho parlato con un medico sportivo passato dal ciclismo al calcio di LegaPro e queste sono state le sue testuali parole: "Se i miei ragazzi fossero ciclisti e venissero controllati come i ciclisti, tre quarti li dovrei far togliere dalla formazione all'allenatore. I centrocampisti e gli esterni non passerebbero al passaporto biologico. Se ci fosse poi quello steroideo, non potremmo avere un undici completo."
Il ciclismo comunque è pieno di dopati. Embarassed


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

Contenuto sponsorizzato

Re: Passaporto biologico e derivati

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Mar Set 18, 2018 9:15 pm