CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Benvenuto - Welcome
CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Il salotto virtuale dove discutere di grande CICLISMO - Iscriviti e condividiamo tutti la PASSIONE per il CICLISMO


Jacques Romain Georges Brel

Condividi
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Dom Ago 04, 2013 11:43 am

Promemoria primo messaggio :

Da quando ho conosciuto questo artista (da pochi mesi, anche se mi pare da sempre) mi sembra di aver fatto "passi da gigante" nella comprensione dell'uomo e della sua grandezza. Me ne ero innamorato subito, anche se non ne sapevo molto, ma credo che il "colpo di fulmine" si sia rivelato esatto e, come accade spesso, si è trasformato in amore. La cosa che mi fa più piacere è che non sono il solo e voglio proprio cominciare questa discussione qui con la traduzione di una lettera scritta nel 1954 da Juliette Greco.
"Ho incontrato Jacques Brel l'anno del suo arrivo a Parigi e cme dicono, così bene i canadesi, *je suis tombéè en amour* (in italiano, mi sono innamorata). Fra i tesori che mi ha proposto di cantare, c'era una canzone che, per l'epoca, era difficile, dura - Ça va (le diable) - Ho scelto quella e gli ho detto perché. Io ero abbastanza celebre, lui non ancora. Egli non aveva bisogno di me per le altre canzoni, ma per quella, senza dubbio, sì. Gli ho fatto capire la mia emozione e la certezza che sarebbe prest diventato ... quello che poi è stato e mi sentivo fiera e felice di aver incontrato un uomo come lui. La nostra amicizia è nata quel giorno e non è mai cessata: egli ha scritto per me e io canto per lui con tutte le mie forze, nel mondo intiero. Con amore. Jacques ha saputo dire tutto.



Il diavolo (va bene)

Un giorno, un giorno il diavolo è venuto sulla terra,
un giorno il diavolo è venuto sulla terra
per sorvegliare i suoi interessi, Egli ha visto tutto
e tutto ha sentito il Diavolo.
E dopo aver sentito tutto, e dopo aver
visto tutto,
è tornato a casa, là.
E lì, c’è stato un grande banchetto,
alla fine del banchetto, il Diavolo si è alzato
e ha pronunciato  un discorso:

Va Bene
Ci sono sempre, dappertutto,
Luci che illuminano la terra
Va bene
Gli uomini giocano come matti
al pericoloso gioco della guerra
Va bene
I treni deragliano con rumore
Perché dei ragazzi, pieni di ideali,
Mettono  bombe sui binari
E ciò crea dei morti originali
Morti senza confessione
Confessione senza remissione
Va bene

Niente si vende, ma tutto si acquista
L’ onore e anche la santità
Va bene 

Gli Stati si nascondono
In forma di società anonime
Va bene

I grandi si disputano i dollari
Arrivati dal paese dei bambini
L’ Europa ripete l'Avaro
In una cornice del novecento
E ciò provoca il morto di fame
E la fame dei popoli
Va bene

Gli uomini hanno visto tante cose che
I loro occhi sono diventati grigi
Va bene

E non si osa nemmeno più cantare
Per le strade di Parigi
Va bene 

Si trattano le persone coraggiose come pazzi
E poeti da sempliciotti
Ma su tutti i giornali
Tutti i bastardi hanno la loro immagine
Questo fa male alla gente onesta
E fa ridere invece quelle disoneste

Va bene, va bene


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink

Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Ago 30, 2013 1:40 pm

Ho trovato una versione video (non solo audio) di "Ne me quitte pas"

avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Sab Ago 31, 2013 9:03 am

Insieme alla morte, ci sono altri argomenti di buona sostanza in questo disco, ad es. due ritratti sociali di persone perdenti, un misto fra il patetico lo sconfitto dal destino cinico e baro, che lui detesta e ama contemporaneamente. Il primo è rappresentato da "Jef" che ha sostituito le sue chimere con l'alcool e la disperazione. Egli ha perso tutto: amore e ricchezza a causa di una donna, per Brel siamo sempre o quasi lì: tutto ha origine da una donna. E Jef appunto piange, perché ha capito che sarà sempre lui a essere amato ... un po' meno, una specie di autoritratto. Sad



No Jef, no, non sei solo,
Ma smetti di frignare
Così davanti a tutti
Perché una seminuova,
Perché una falsa bionda
Ti ha ripiantato ancora.
No Jef, no, non sei solo,
Però mi fai vergogna
A piangere per niente
Davanti a questa gente
Perché una quasi troia
Ti ha dato il benservito.
No Jef, no, non sei solo,
Però fai quasi schifo,
Ci ridon tutti dietro,
alziamo via le chiappe,
Andiamo Jef, vieni, vieni.

Vieni, mi resta un po' di grano,
Andiamo a farsi un goccio
Dalla mamma Françoise.
Vieni, mi resta un po' di grano
E se non è abbastanza
Lo metteremo in conto.
Poi ci potremmo fare
Un po' di misto mare,
Di patate fritte
E vino di Mosella.
E se sei ancora triste…
Far una visitina
Da Madama Andrée:
C'è la nuova quindicina.
Ce la ricanteremo,
Staremo bene insieme
Come ai tempi di quando
Le tasche erano piene
E avevamo vent'anni.

No Jef, no, non sei solo,
Non fare quella faccia,
Muovi 'sti cento chili,
Solleva la carcassa.
Lo so che hai il cuore a pezzi
Ma puoi tirarlo su.
No Jef, no, non sei solo.
Ma smetti di singhiozzare,
Smetti di disperarti,
Smettila di guaire
Che vuoi buttarti a mare
O che vuoi impiccarti.
No Jef, no, non sei solo.
Qui non è più una strada,
E' diventato un cine
Senza manco il biglietto.
Andiamo, vieni Jef, vieni, vieni.
Vieni, ho ancora la chitarra
Che farà faville
E saremo spagnoli…
Vieni tu come da pivello,
Mi puoi rifare male
Il verso del fringuello…
E poi su una panchina
Ti spiegherò che se
Ne risparmiamo un po'
L'America è vicina.
E se sei ancora triste
O lo dai a vedere,
Dimostrerò in che modo
Diventerai Rockefeller.
Staremo bene insieme,
Ce la ricanteremo
Come ai tempi di quando
Eravamo leoni,
Di prima che fossimo barboni.

Andiamo, vieni Jef, vieni, vieni.
Sì sì, Jef, sì, vieni.

L'altra "Les bombons" mette in scena il perfetto belga *imbecille* (è l'unica canzone nella quale usa il dialetto di Bruxelles) e lo presenta in tutto il suo splendore, un po' come colui che aspetta "Madaleine" Very Happy  Quest'uomo mediocre e senza ambizioni, i cui soli sogni amorosi sono quelli di farsi vedere a braccetto con una bella donna, è totalmente rappresentativo delle persone aborrite da Jacques: "Descrivo un tipo che è talmente idiota che alla fine diventa nauseabondo e allora, piuttosto che esprimere in altro modo il mio disprezzo, cerco di riderci sopra, perché non lo si può mica uccidere." Very Happy  E Jacques riesce ad elevarsi alla comicità degna dei maggiori interpreti del genere e si può ben dire che l'attore Brel è perfettamente a suo agio nella commedia come nella tragedia.


Je vous ai apporté des bonbons
Parce que les fleurs c'est périssable
Puis les bonbons c'est tellement bon
Bien que les fleurs soient plus présentables
Surtout quand elles sont en boutons
Mais je vous ai apporté des bonbons

Vi ho portato dei dolcetti
Perché i fiori son deperibili
E poi i dolcetti son talmente buoni
Benché i fiori siano più presentabili
Specie quando sono in boccio
E però vi ho portato i dolcetti

J'espère qu'on pourra se promener
Que madame votre mère ne dira rien
On ira voir passer les trains
A huit heures je vous ramènerai
Quel beau dimanche pour la saison
Je vous ai apporté des bonbons

Speriamo si possa andare a passeggio
E che la vostra signora madre non abbia da ridire
Andremo a guardare i treni passare
E alle otto in punto vi riporterò a casa
Che bella Domenica per la stagione
Vi ho portato dei bei dolcetti

Si vous saviez ce que je suis fier
De vous voir pendue à mon bras
Les gens me regardent de travers
Y en a même qui rient derrière moi
Le monde est plein de polissons
Je vous ai apporté des bonbons

Se sapeste come son fiero
Di vedervi al mio braccio
La gente mi guarda di traverso
E qualcuno pure mi ride dietro
Il mondo è pieno di cretinetti
Ed io vi ho portato dei dolcetti

Oh oui Germaine est moins bien que vous
Oh oui Germaine elle est moins belle
C'est vrai que Germaine a des cheveux roux
C'est vrai que Germaine elle est cruelle
Ça vous avez mille fois raison
Je vous ai apporté des bonbons

Ah già Germaine è molto meno bella
Ah si Germane è meno bella assai
Ha dei capelli rossi
Ed è così crudele
Avete mille e una ragione
Ed io vi ho portato dei dolcetti

Et nous voilà sur la Grand' Place
Sur le kiosque on joue Mozart
Mais dites-moi que c'est par hasard
Qu'il y a là votre ami Léon
Si vous voulez que je cède ma place
J'avais apporté des bonbons

Ed eccoci sulla Grand Place
Sotto il chiosco suonano Mozart
Ma dite pure ed è per caso un caso
Che c’è pure il vostro amico Léon
Se voi volete gli cedo il mio posto
Avevo portato dei dolcetti

Mais bonjour mademoiselle Germaine
Je vous ai apporté des bonbons
Parce que les fleurs c'est périssable
Puis les bonbons c'est tellement bon
Bien que les fleurs soient plus présentables ...   

Ma buon giorno signorina Germane
Vi ho portato dei dolcetti
Perché i fiori sono deperibili
E poi i dolcetti sono così buoni
Benché i fiori siano più presentabili ...      



************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mer Set 04, 2013 8:15 am

L'album termina con "Les bergers" un omaggio agli ultimi ricercatori di una "libertà libera". Una canzone che distilla un profumo selvaggio dei pascoli in altitudine e che, in questo disco, appare come una cosa affatto particolare, perché non si parla di morte. Wink



Ils ont les mêmes rides et les mêmes compagnes
Et les mêmes senteurs que leurs vieilles montagnes
Les bergers

Entre eux l´en est de jeunes, entre eux l´en est de beaux
Qui appellent les filles à faire le gros dos
Les bergers
Ceux-là ont des sourires qu´on dirait une fleur
Et des éclats de rire à faire jaillir de l´eau
Les bergers


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Gio Set 05, 2013 9:40 am

A partire dal 16 ottobre 1964 Brel si appresta ad infiammare di nuovo la platea dell'Olympia, ma proprio in quei giorni confida ad un amico giornalista che ha tutta l'intenzione di smettere con il canto. Sono propositi che l'altro attribuisce alla stanchezza passeggera, ma che invece si confermeranno, di lì a poco, di una sincerità vibrante. Sad Questo nuovo "recital" è costituito da dei classici, ma anche da titoli inediti. Fra essi due, in particolare si possono definire dei capolavori. Il primo "Les timides" disegna il riratto di un uomo ostacolato, appesantito da sé stesso e che non riesce ad essere mai quello che vorrebbe. Sad



Les timides
Ça s´tortille
Ça s´entortille
Ça sautille
Ça s´met en vrille
Ça s´recroqueville
Ça rêve d´être un lapin
Peu importe
D´où ils sortent
Mais feuilles mortes
Quand le vent les porte
Devant nos portes
On dirait qu´ils portent
Une valise dans chaque main

Les timides
Suivent l´ombre
L´ombre sombre
De leur ombre
Seule la pénombre
Sait le nombre
De leurs pudeurs de Levantin
Ils se plissent
Ils pâlissent
Ils jaunissent
Ils rosissent
Ils rougissent
S´écrevissent
Une valise dans chaque main

Mais les timides
Un soir d´audace
Devant leur glace
Rêvant d´espace
Mettent leur cuirasse
Et alors place!
Allons, Paris
Tiens-toi bien!
Et vive la gare
Saint-Lazare
Mais on s’égare
On s’effare
On s’ désempare
Et on repart
Une valise dans chaque main

Les timides
Quand ils chavirent
Pour une Elvire
Ont des soupirs
Ont des désirs
Qu´ils désirent dire
Mais ils n´osent pas bien
Et leur maîtresse
Plus prêtresse
En ivresse
Qu´en tendresse
Un soir les laisse
Du bout des fesses
Une valise dans chaque main

Les timides
Alors vieillissent
Alors finissent
Se rapetissent
Et quand ils glissent
Dans les abysses
Je veux dire
Quand ils meurent
N´osent rien dire
Rien maudire
N´osent frémir
N´osent sourire
Juste un soupir
Et ils meurent
Une valise sur le cœur


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Set 06, 2013 8:35 am

Ma le nuove canzoni saranno presto occultate da un *monumento* immenso per qualità, del quale le armonie sono ispirate ad un canto inglese del XVI secolo (sembra che le parole originali di quella canzone siano state scritte da Enrico VIII). Si tratta di "Amsterdam" e questo pezzo, breliano per eccellenza, si eleva in un crescendo tale da provocare un "maremoto" musicale e il respiro affannato per la bellezza di una simile pittura marina iperrealista. Aggiungiamoci anche l'interpretazione potente e il pubblico non gli permetterà di proseguire con il brano seguente. :)Questo fenomeno di follia collettiva resterà nella memoria del tempio olimpico e J.M. Boris ebbe a scrivere: "Quel giorno là ho visto una sala intiera che riceveva un "uppercut" in pieno viso. E J. Chancel: "I. Brel l'uragano che tutta Parigi attendeva".

P.S.

Questa canzone gli varrà una miriade di premi.



Quando approdi a Amsterdam
Getti l'ancora fra
I sogni d'incanti,
Nei canti dei mariani
Che nel porto d'Amsterdam
Puoi trovare assopiti
Come fossero dei
Gran pavesi ammainati.
Se vai ad Amsterdam
Puoi vederli morire
Di ricordi annegati
All'oblò di un bicchiere
O salpare alla vita
Cercando i confini
Nei misteri nebbiosi
Di amplessi marini.

Nei bistrot d'Amsterdam
Stanno lì a divorare
Fritture grondanti
Gli umori del mare
E a mostrare dei denti
Da sbranafortuna,
Da sgranocchiadiamanti
E da azzanna-la-luna.
Ed in mezzo a fiumane
Di pesci e patate
Vanno su le manone
Per le altre portate,
Poi sbaraccan la mensa
E cominci la festa
Ma in piedi, rollando
E ruttando tempesta.

I marò di Amsterdam
Quando s'apron le danze
Si struscian le panze
Alle panze di dame
E riscattano con
Fisarmoniche di grame
Tante notti di veglia
E di freddo e di fame.
E si storcon la testa
Per ridere più forte
Finché colpita a morte
La musica s'arresta,
Allora bestemmiando,
A fatica diritti,
Se ne vanno ondeggiando
Come vecchi relitti.

Per le vie d'Amsterdam
Ci son dei marinai
Che si bevono mari
Di birra e di guai
E che, trinca e tracanna
E continua a brindare,
Non la smettono mai
Di bere alle signore
Che negli alberghi a ore
Dan loro la virtù,
E quando han ben bevuto
Da non poterne più
Si piantano naso al cielo
A patte spalancate
E pisciano come io piango
Sulle donne infedeli.

Se vai ad Amsterdam,
Nel porto d'Amsterdam…


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Sab Set 07, 2013 9:54 am

Dopo aver pubblicato un 45 giri in fiammingo, Brel se ne va in giro per il mondo: in URSS d'ottobre e il 4 dicembre a New York, alla "Canergie Hell" stracolma di appassionati. Egli è il solo, insieme a E. Piaf, cantante francofono ad aver realizzato questa "performance". Là, come altrove il pubblico si trova di fronte ad un uomo che canta come, se da ciò dipendesse tutta la sua vita e dopo una serie innumerevoli di bis, lascia la sala sulle note di "Amsterdam".


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Lun Set 09, 2013 10:04 am

Novembre 1965 Jacques pubblica un nuovo disco, con alcune canzoni caratterizzate per maturità artistica e forza. Fra esse "Ces gens-là" che si regge su due semplici accordi, come "Orly", il che permette una grande libertà di interpretazione. In questo cortometraggio realizzato con una sceneografia piena di audacia, ma anche di esattezza, il cantante-attore riveste con facilità sia i panni di una nonna ormai alla fine, che quelli di un "buzzuro" capace solo di fare  dei grandi "flchss", mentre "mangia" la zuppa. Twisted Evil Insomma questo capolavoro (ennesimo di J.B.) ci disegna l'angoscia universale dell'uomo che, schiacciato dalla pressione sociale, non potrà mai raggiungere ciò a cui aspira di più. Evil or Very Mad 



Per primo c'è il primo
Che assomiglia a un melone,
Lui con quel suo nasone,
Che non sa più il suo nome.
Signore, talmente beve
O talmente ha bevuto
Che sta lì mani in mano,
Che non ne può già più,
Completamente cotto,
Ma che si crede qualcuno.
Ogni notte è ubriaco
E di pessimo vino,
Ma lo trovi al mattino
Sbaccalito di brutto,
In chiesa illividito
Come un cero pasquale
Che balbetta e bofonchia
Con lo sguardo abbruttito.
C'è da dire, signore,
Che da quelli là
Non si pensa, signore,
Non si pensa, si prega.

E poi dopo c'è l'altro,
Quella testa tignosa,
Quel lordo a pelo rosso
Che fila brutta lana,
Che è pronto a dar qualcosa
Solo ai poveri buoni,
Che ha sposato Denisa
Che è una di città
Ma di un'altra città
E che, non è finita,
Si fa i suoi affarucci
Con i suoi cappellini
E i suoi soprabitini
E la sua macchinina,
Che vorrebbe sembrare
Ma che non sembra affatto.
Non puoi giocare ai ricchi
Se non hai i soldini.
C'è da dire, signore,
Che da quelli là
Non si vive, signore,
Non si vive: si bara.

E poi, poi tutti gli altri.
La madre tace oppure
Dice qualunque cosa,
E da mattina a sera,
Bello appeso in cornice
Coi mustacchi sul muso,
C'è il ritratto del vecchio
Morti di un… non si dice,
Che guarda la sua truppa
Mangiar la zuppa fredda
Facendo dei gran flchss.
E poi c'è anche la nonna
Ancora lì a tremare,
Ma che crepi domani
Perché è lei che ha la roba
E non frega a nessuno
Di quelle povere mani
Che vogliono raccontare.
C'è da dire, signore,
Che da quelli là
Non si parla, signore,
Non si parla: si conta.

E poi e poi
E poi c'è Frida
Che è bella come il sole
E che mi ama tanto
Quanto l'amo, Frida.
Noi ci diciamo sempre
Che ci faremo una casa
Soltanto di finestre,
con quasi niente muri,
Che ci vivremo insieme
E sarà bello starci
E se non è sicuro
E' comunque può darsi,
Perché loro non vogliono,
Perché loro non vogliono,
Loro dicono che
E' troppo bella per me,
Che sono buono solo
A scorticare gatti.
Non ho mai preso gatti
O molto tempo fa
O non ricordo più
Ma puzzavano tanto.
Insomma loro non vogliono.
Quando noi ci vediamo
Come fosse per caso
Coi suoi occhi di pianto
Dice che verrà via
Con me, mi seguirà.
Allora per un momento,
Per un momento solo,
Allora io le credo, signore.
Per un momento,
Per un momento solo,
Perché da quelli là
Signore, uno non se ne va,
Uno non se ne va, signore,
Non se ne va.
Ma è tardi, signore,
Devo tornare a casa mia.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mar Set 10, 2013 10:40 am

Altre canzoni importanti si possono estrarre da questo album e fra queste io focalizzerei l'attenzione su "Grand-mère" un titolo che si distingue nella discografia di J.B. per la sua audacia e modernità e che è affatto particolare per il nostro autore "misogeno". La protagonista, che fuma il sigaro e dirige un'impresa, svolge le funzioni tipicamente maschili e tutto ciò con l'ardore e l'efficacia propri del suo sesso.



Faut voir grand-mère
Grand-mère et sa poitrine
Grand-mère et ses usines
Et ses vingt secrétaires

Faut voir mère-grand
Diriger ses affaires
Elle vend des courants d´air
Déguisés en coups de vent

Faut voir grand-mère
Quand elle compte son magot
Ça fait des tas de zéros
Pointés comme son derrière

Mais pendant c´temps-là
Grand-père court après la bonne
En lui disant que l´argent
Ne fait pas le bonheur
Comment voulez-vous bonnes gens
Que nos bonnes bonnes
Et nos petits épargnants
Aient le sens des valeurs?

Faut voir grand-mère
C´est une tramontane
Qui fume le Havane
Et fait trembler la Terre

Faut voir grand-mère
Cerclée de généraux
Être culotte de peau
Et gagner leur guéguerre

Faut voir grand-mère
Dressée sous son chapeau
C´est Waterloo
Où s´rait pas venu Blücher

Mais pendant c´temps-là
Grand-père court après la bonne
En lui disant que l´armée
Elle bat l´beurre
Comment voulez-vous bonnes gens
Que nos bonnes bonnes
Et nos chers pioupious
Aient le sens des valeurs?

Faut voir grand-mère
S´assurer sur la mort
Un p´tit coup d´presbytère
Un p´tit coup de r´mords

Faut voir grand-mère
Et ses ligues de vertu
Ses anciens combattants
Ses anciens combattus

Faut voir grand-mère
Quand elle se croit pécheresse
Un grand verre de grand-messe
Et un doigt de couvent

Mais pendant c´temps-là
Grand-père court après la bonne
En lui disant que les curés
Sont farceurs
Comment voulez-vous bonnes gens
Que nos bonnes bonnes
Et nos petits incroyants
Aient le sens des valeurs?

Mais il faut voir grand-père
Dans les bistrots bavards
Où claquent les billards
Et les chopes de bière

Faut voir père-grand
Caresser les roseaux
Effeuiller les étangs
Et pleurer du Rimbaud

Faut voir grand-père
Dimanche finissant
Honteux et regrettant
D´avoir trompé grand-mère

Mais pendant c´temps-là
Grand-mère se tape la bonne
En lui disant que les hommes
Sont menteurs
Comment voulez-vous bonnes gens
Que nos bonnes bonnes
Et notre belle jeunesse
Aient le sens des valeurs?


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Set 13, 2013 9:43 am

E anche e soprattutto "La chanson de Jacky"  con la superba melodia e interpretata da un Brel straordinario come forza vocale. Immaginadosi bello e stupido al contempo cerca di esorcizzare l'immagine di sé brutto che ha sofferto nei suoi anni adolescenziali. Un tipo brutto o una ragazza simile patiscono molto di più nella vita di chi è invece al contrario, pur se imbecille. I primi occorre che lavorino moltissimo sulla loro psiche per riuscire a compensare. Questo lavoro Jacques l'à fatto  nel tempo di questa canzone, descrivendo un "play-boy, un viaggiatore, un mafioso tutti in partenza verso la stella inaccessibile. Sogno che realizzerà poco dopo l'uscita del disco, quando annuncerà il suo addio alla canzone, per vivere una vita diversa e piuttosto errabonda.



Anche se un giorno a Knokke-Le-Zoute
Io diventassi come temo
L'aedo di belle cadenti,
Se gli cantassi “Mi corazon”
Col gorgheggio bandoneante
D'un argentino di Carcassonne,
Anche se viro al bell'Antonio
E sparo le ultime cartucce
Per qualche assegno o qualche premio…
Madame, vado per le spicce,
Se m'ubriaco d'idromele
Per presentarmi più virile
A certe tardodecorate
Come dei pini di Natale,
Io nelle mia sbronzografia
Canterò ad elefanti rosa
Questa mia antica poesia,
Quella di quando ero Jacky.

(ritornello)
Esser bello, cosa vuoi che sia?
Per un'ora suppergiù,
Solo un'ora esser bello e via,
Bello e stronzo perdipiù.

Anche se un giorno a Macao
Divento sultano di bische
In mezzo a languide odalische,
Anche se stufo di cantare
Mi spaccio per mastro cantore
E sono gli altri a gorgheggiare,
Se vendo ancor più di “Beau Serge”,
Del whisky di Clermont-Ferrand,
Carichi d'oppio come niente
E culi D.O.C., vergini finte
Con una banca in ogni dito
E ogni dito in un paese
E ogni paese mio mercato,
Sarò comunque deliziato
Quando ogni notte intonerò
In fondo ad una fumeria
Per tutta la cineseria
La mia canzone di Jacky.

Anche se un giorno in paradiso
Divento, e ne sarei sorpreso,
cantore d'anime volanti,
anche se canto “Alleluia”
pur rimpiangendo a piè di lista
che non sia stata sempre festa,
Pur se divento un Padreterno,
Quello che ha sempre un posto al sole
Fra “Dio ti guardi” e “Dio lo vuole”,
Anche se porterò un barbone
E sarò sempre un po' coglione
Nel distribuir saluti e baci
Per fare gli altri un po' felici,
So che ogni notte sentirò
Nel mio nirvana all'aldilà
Gli angeli, i santi e Belzebù
Cantare il mio canto di qui,
Di quando ancora ero Jacky.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Sab Set 14, 2013 9:29 am

Nel 1959 aveva scritto una canzone che in alcuni passi si sarebbe rivelata premonitoria:

"Siamo in cento ad essere invitati
dalla gloria, senza una ragione,
ma quando muore il sogno,
quando finisce la canzone
ci si ritrova ... soli."

La notorietà produce molto spesso sugli uomini effetti perversi e, dopo il suo ultimo "tour" se si guarda allo specchio vede soltanto lo spettro glaciale della solitudine. In questo momento parossistico della sua carriera, Brel sente il bisogno di allontanarsi dal mondo per "prendere respiro".
All'inizio del 1966 avviene l'incidente che si rivelerà determinante per il ritiro dalle scene: si accorge di aver ripetuto una strofa della canzone "Le vieux". Questo significa che ormai si è ridotto a cantare senza pensare, per cui alla fine dello spettacolo prende da parte Jojo per dirgli: "J'arrete! Non ho più nulla da dare." 
Naturalmente i contratti previsti saranno rispettati e dovrà ancora cantare per circa un anno, ma la sua decisione è presa. Sad


Seul
On est deux mon amour
Et l´amour chante et rit
Mais à la mort du jour
Dans les draps de l´ennui
On se retrouve seul
On est dix à défendre
Les vivants par des morts
Mais cloués par leurs cendres
Au poteau du remords
On se retrouve seul
On est cent qui dansons
Au bal des bons copains
Mais au dernier lampion
Mais au premier chagrin
On se retrouve seul
On est mille contre mille
A se croire les plus forts
Mais à l´heure imbécile
Où ça fait deux mille morts
On se retrouve seul
On est million à rire
Du million qui est en face
Mais deux millions de rires
N´empêchent que dans la glace
On se retrouve seul
On est mille à s´asseoir
Au sommet de la fortune
Mais dans la peur de voir
Tout fondre sous la lune
On se retrouve seul
On est cent que la gloire
Invite sans raison
Mais quand meurt le hasard
Quand finit la chanson
On se retrouve seul
On est dix à coucher
Dans le lit de la puissance
Mais devant ces armées
Qui s´enterrent en silence
On se retrouve seul
On est deux à vieillir
Contre le temps qui cogne
Mais lorsqu´on voit venir
En riant la charogne
On se retrouve seul.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Dom Set 15, 2013 12:05 pm

Fra i contratti già firmati, ci sono gli spettacoli all'Olympia (dal 6 ottobre al 1° novembre 1966), che rappresentarà il suo "canto del cigno". Nel programma figura una nuova canzone "Le bombons 67" una parodia della sua canzone precedente, ove fa la parodia dei costumi di questo periodo pre-'68. L'autore mette in graticola i fenomeni di moda, cioè quelli che si adotta per conformarsi agli usi. Ed ecco apparire in scena il poveretto della canzone originale, modificato opportunamente, ma senza nulla perdere della sua stupidità, perché possiamo essere sicuri che egli continua ad assorvire tutte le più diverse correnti di (si fa per dire) pensiero, senza apportarvi alcun giudizio personale. E ciliegina sulla torta, prova addirittura dei sentimenti omesessuali per il fratellino di germaine che è, ovviamente ... "Flamingant". Very Happy




Je viens rechercher mes bonbons
Vois-tu, Germaine, j'ai eu trop mal
Quand tu m'as fait cette réflexion
Au sujet de mes cheveux et longs
C'est la rupture bête et brutale

Je viens rechercher mes bonbons
Maintenant je suis un autre garçon
J'habite à l'Hôtel Georges Vé
J'ai perdu l'accent bruxellois
D'ailleurs plus personne n'a cet accent-là
Sauf Brel à la télévision

Je viens rechercher mes bonbons
Quand père m'agace moi je lui fais zop la
Je traite ma mère de névropathe
Faut dire que père est vachement bat
Alors que mère est un peu snob
Enfin tout ça c'est le conflit des générations

Je viens rechercher mes bonbons
Et tous les samedis soir que j'peux
Germaine, j'écoute pousser mes ch'veux
Je fais glou glou je fais miam miam
Je défile criant: paix au Vietnam
Parce qu'enfin enfin j'ai des opinions

Je viens rechercher mes bonbons
Mais c'est ça votre jeune frère
Mademoiselle Germaine, c'est celui qu'est flamingant

Je vous ai apporté des bonbons
Parce que les fleurs c'est périssable
Les bonbons c'est tellement bon
Bien que les fleurs soient plus présentables
Surtout quand elles sont en boutons

Je vous ai apporté des bonbons ...


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mer Set 18, 2013 10:19 am

Contrariamente alla tradizione l'addio di J.B. non sarà tradotto in un disco, ma semplicemnete filmato e poi lui ha solo lasciato la scena, ma continuerà a scrivere, forse ancora di più e meglio. Affronterà temi differenti, farà altri dischi, potrà partecipare a programmi televisivi e scrivere altre cose che non canzoni: un romanzo, una commedia musicale, chi lo sa? Ma intanto occorrerà riflettere, perché un simile cambiamento non si improvvisa. Intanto il 18 gennaio 1967 registra un 33 giri che contiene i pezzi inediti, interpretati all'Olympia e anche una canzone che diventerà un classico in tutto il mondo: "La chanson des vieux amants". Una coppia di vecchi senza figli i cui versi chiave rappresentano molto bene la filosofia di Brel:
"Il nous fallut bien du talent
Pour être vieux sans être adultes"



(Battiato)


(Patty Pravo)

Certo ci fu qualche tempesta,
Vent'anni è amare alla follia;
Mille volte dicesti basta,
Mille volte me ne andai via.
Ma ogni cosa si ricorda
In questa stanza senza culla:
I lampi dei vecchi contrasti…
Non c'era più una cosa giusta,
Avevi perso il tuo calore,
E io la febbre di conquista.

Oh, mio amore,
Mio dolce, mio meraviglioso amore,
Dall'alba chiara finché il giorno muore,
Io t'amo ancora sai, ti amo.

So tutto delle tue magie
E tu della mia intimità.
Sapevo delle tue bugie
E tu delle mie tristi viltà.
So che hai avuto degli amanti,
Bisogna pur tirare avanti,
Bisogna pur che il corpo esulti.
Ma c'è voluto tanto cuore
Per riuscirci ad invecchiare
Senza mai diventare adulti.

Oh, mio amore,
Mio dolce, mio meraviglioso amore,
Dall'alba chiara finché il giorno muore
Io t'amo ancora, sai, ti amo.

E più ci fanno guardia d'onore,
Più gli anni angosciano la via.
Ma c'è forse un male peggiore
Che amarsi con monotonia?
Ora piangi con meno zelo,
Io mi scateno molto dopo,
Non abbiamo quasi più misteri.
Lasciamo un po' il settimo cielo,
Scendiamo a patti con la terra,
Però è la stessa dolce guerra.

Oh, mio amore,
Mio dolce, mio meraviglioso amore,
Dall'alba chiara finché il giorno muore
Io ti amo ancora, sai, ti amo.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Gio Set 19, 2013 8:46 am

Dopo il suo ultimo concerto, Brel si lancia in una nuova avventura: il cinema. Fino allora questa forma di arte non l'aveva interessato molto e il suo talento di attore l'aveva usato solo per il teatro, a parte due cortometraggi confidenziali, ma, dopo aver letto la sceneggiatura che gli propone A. Cayatte decide di accettare il ruolo dell'istitutore in "Risques du metier". All'inizio, l'attore in erba si muove con difficoltà in quell'universo che non riesce a dominare, ma piano piano si lascia prendere dal gioco di squadra, cosa che non aveva più fatto, dopo che aveva smesso di giocare al calcio. ;)Quando il film è proiettato ottiene un gran successo, grazie soprattutto alla presenza di Jacques: "Brel est, sans conteste, la révelation cinématographique de l'année ..." (L'Aurore, décembre 1967)


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Set 20, 2013 12:19 pm

Grazie a questo tentativo riuscito a Jacques arrivano in continuazione proposte di girare altri film (naturalmente con le sceneggiature accluse) e lui è sedotto dal personaggio di Raymond La Science, un intellettuale anarchico, la cui personalità rappresenta proprio il contrario dell'istitutore del film precedente. Ma poi non se ne fa nulla e accetta invece "La bande à Bonnot" di P. Fourastié. E' la storia di un gruppo di banditi che però non lo facevano per i soldi, bensì per attirare l'attenzione sul fenomeno sociale. Brel è particolarmente felice di non essere sé stesso, bensì di interpretare veramente un ruolo: quello di un ganster che è anche un assassino.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Sab Set 21, 2013 12:06 pm

Nell'ottobre 1968, dopo l'uscita del suo secondo film, Brel pubblica un nuovo album che attesta ancora una volta il talento di un autore-compositore-interprete al sommo della sua maturità artistica e che, purtroppo, farà pazientare il suo pubblico per nove anni prima di offrirgli altre nuove canzoni. Fino ad allora, quest'album sarà considerato un po' come il suo testamento, perché in massima parte affronta i temi fondamentali della filosofia breliana: l'immobilismo e la morte, affrontati stavolta direttamente. Una canzone che fa eccezione è Vesoul che non è un granché, ma diventerà uno dei successi commerciali maggiori. In sintesi si può riassumere questa canzone: ciò che vuole una donna, anche dio lo vuole. Very Happy


Volevi vedere Vierzon
E abbiamo visto Vierzon
Volevi vedere Vesoul
E abbiamo visto Vesoul
Volevi vedere Honfleur
E abbiamo visto Honfleur
Volevi vedere Amburgo
E abbiamo visto Amburgo
Volevo vedere Anversa
È stata rivista Amburgo
Volevo vedere tua sorella
E abbiamo visto tua madre
Come sempre

Hai più amato Vierzon
Abbiamo lasciato Vierzon
Sei più simile a Vesoul
Abbiamo lasciato Vesoul
Hai più amato Honfleur
Abbiamo lasciato Honfleur
Sei più simile a Amburgo
Abbiamo lasciato Amburgo
Volevi vedere Anversa
Abbiamo visto che le periferie
Come tua madre ti ha amato di più
Abbiamo lasciato tua sorella
Come sempre

Ma io vi dico
Non voglio andare oltre
Ma ti avverto
Non voglio andare a Parigi
Inoltre odio
Tutti squillo
Il valzer musette
E fisarmonica

Hai voluto vedere Parigi
E abbiamo visto Parigi
Volevi vedere Dutronc
E abbiamo visto Dutronc
Volevo vedere la tua sorella
Ho visto il Mont Valeriano
Volevi vedere Hortense
Lei era nel Cantal
Volevo vedere Bisanzio
E abbiamo visto Pigalle
A St-Lazare
Ho visto i fiori del male
Per caso

Avete più gradito Parigi
Abbiamo lasciato Parigi
Hai più amato Dutronc
Abbiamo lasciato Dutronc
Ora mi confondo tua sorella
E Mont Valeriano
Da quello che so di Hortense
Andrò nel Cantal
Questo per quanto riguarda Bisanzio
Da quando ho visto Pigalle
E St-Lazare
E 'costoso e fa male
Casuale

Ma ripeto riscaldatore riscalda Marcel
Non voglio andare oltre
Ma ti avverto
Il viaggio è finito
Inoltre odio
Tutti squillo
Il valzer musette
E riscaldatore fisarmonica

Volevi vedere Vierzon
E abbiamo visto Vierzon
Volevi vedere Vesoul
E abbiamo visto Vesoul
Volevi vedere Honfleur
E abbiamo visto Honfleur
Volevi vedere Amburgo
E abbiamo visto Amburgo
Volevo vedere Anversa
È stata rivista Amburgo
Volevo vedere tua sorella
E abbiamo visto tua madre
Come sempre

Hai più amato Vierzon
Abbiamo lasciato Vierzon riscaldatore riscaldatore riscaldatore
Sei più simile a Vesoul
Abbiamo lasciato Vesoul
Hai più amato Honfleur
Abbiamo lasciato Honfleur
Sei più simile a Amburgo
Abbiamo lasciato Amburgo
Volevi vedere Anversa
Abbiamo visto che le periferie
Come tua madre ti ha amato di più
Abbiamo lasciato tua sorella
Come sempre i ragazzi di calore

Ma ripeto la ri
Non voglio andare oltre
Ma ti avverto
Non voglio andare a Parigi
Inoltre odio
Tutti squillo
Il valzer musette
E fisarmonica

Hai voluto vedere Parigi
E abbiamo visto Parigi
Volevi vedere Dutronc
E abbiamo visto Dutronc
Volevo vedere tua sorella
Ho visto il Mont Valeriano
Volevi vedere Hortense
Lei era nel Cantal
Volevo vedere Bisanzio
E abbiamo visto Pigalle
A St-Lazare
Ho visto i fiori del male
Per caso
 
T'as voulu voir Vierzon
Et on a vu Vierzon
T'as voulu voir Vesoul
Et on a vu Vesoul
T'as voulu voir Honfleur
Et on a vu Honfleur
T'as voulu voir Hambourg
Et on a vu Hambourg
J'ai voulu voir Anvers
On a revu Hambourg
J'ai voulu voir ta soeur
Et on a vu ta mère
Comme toujours

T'as plus aimé Vierzon
On a quitté Vierzon
T'as plus aimé Vesoul
On a quitté Vesoul
T'as plus aimé Honfleur
On a quitté Honfleur
T'as plus aimé Hambourg
On a quitté Hambourg
T'as voulu voir Anvers
On a vu que ses faubourgs
T'as plus aimé ta mère
On a quitté ta soeur
Comme toujours

Mais je te le dis
Je n'irai pas plus loin
Mais je te préviens
J'irai pas à Paris
D'ailleurs j'ai horreur
De tous les flonflons
De la valse musette
Et de l'accordéon

T'as voulu voir Paris
Et on a vu Paris
T'as voulu voir Dutronc
Et on a vu Dutronc
J'ai voulu voir ta soeur
J'ai vu le Mont Valérien
T'as voulu voir Hortense
Elle était dans le Cantal
Je voulais voir Byzance
Et on a vu Pigalle
A la gare St-Lazare
J'ai vu les fleurs du mal
Par hasard

T'as plus aimé Paris
On a quitté Paris
T'as plus aimé Dutronc
On a quitté Dutronc
Maintenant je confonds ta soeur
Et le Mont Valérien
De ce que je sais d'Hortense
J'irai plus dans le Cantal
Et tant pis pour Byzance
Puisque que j'ai vu Pigalle
Et la gare St-Lazare
C'est cher et ça fait mal
Au hasard

Mais je te le redis chauffe Marcel chauffe
Je n'irai pas plus loin
Mais je te préviens
Le voyage est fini
D'ailleurs j'ai horreur
De tous les flonflons
De la valse musette
Et de l'accordéon chauffe

T'as voulu voir Vierzon
Et on a vu Vierzon
T'as voulu voir Vesoul
Et on a vu Vesoul
T'as voulu voir Honfleur
Et on a vu Honfleur
T'as voulu voir Hambourg
Et on a vu Hambourg
J'ai voulu voir Anvers
On a revu Hambourg
J'ai voulu voir ta soeur
Et on a vu ta mère
Comme toujours

T'as plus aimé Vierzon
On a quitté Vierzon chauffe chauffe chauffe
T'as plus aimé Vesoul
On a quitté Vesoul
T'as plus aimé Honfleur
On a quitté Honfleur
T'as plus aimé Hambourg
On a quitté Hambourg
T'as voulu voir Anvers
On a vu que ses faubourgs
T'as plus aimé ta mère
On a quitté ta soeur
Comme toujours chauffez les gars

Mais je te le re redis
Je n'irai pas plus loin
Mais je te préviens
J'irai pas à Paris
D'ailleurs j'ai horreur
De tous les flonflons
De la valse musette
Et de l'accordéon

T'as voulu voir Paris
Et on a vu Paris
T'as voulu voir Dutronc
Et on a vu Dutronc
J'ai voulu voir ta soeur
J'ai vu le Mont Valérien
T'as voulu voir Hortense
Elle était dans le Cantal
Je voulais voir Byzance
Et on a vu Pigalle
A la gare St-Lazare
J'ai vu les fleurs du mal
Par hasard


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Lun Set 23, 2013 9:34 am

"Je sui une soir d'été" è considerata dall'autore come una delle canzoni più riuscite ed in essa si prolunga il tema dell'immobilità. In queste piccole immagini, viste da diverse angolazioni, descrive sequenze di vita vissuta da gente comune, tutti accomunati dal non sopportare la calura estiva. I neologismi breliani piovono in gran quantità, così da delineare un "universo" volgare, dove gli uomini trasformano i loro sogni in tutt'altra cosa: le abitudini. Evil or Very Mad 



In sottoprefettura,
Sotto luci sudate,
Trionfi di gazzose
Per la sottoprefetta,
Fra i tiepidi champagne
E i calcoli freddati
Delle rimaste in ombra,
Defunzionalizzate.

Stasera sono estate.

Alle finestre aperte
Le famiglie cenanti
Respingono sia l'afa
Che i piatti che han davanti.
Sboccheggiano ruttate
Da cavalieri turchi
Tovaglie sbriciolate
Al di là dei balconi.

Stasera sono estate.

La cappa dei tendoni
Sui bevitori sfatti
Che parlan di ronzini
E di vecchie maliarde.
E' un'ora di straccali
Che reggono il presente
A sbracati passanti
Ed alcolisti espansi.

Stasera sono estate.

Ubertose valchirie
Impregnate di fritto
Sballottano tettone
Sui bordi della Mosa.
Carenza d'artiglieri
Perché l'estate avvampi
E risalga a tentoni
Fino ai loro recessi.

Stasera sono estate.

Alle fontane i vecchi
Bardati di rispetto
Ribevono l'infanzia
A passetti sereni,
Sorrisi a tutto dente
A una bella che balla
E nel ballo in silenzio
Si muore primavera.

Stasera sono estate.

La calura s'inverga,
Tracima le sue ebrezze.
L'estate i rituali,
Li celebra di notte
E la città all'intorno
Occhieggia il suo rimorso
Inutile e sventato
Di non essere un porto.

Stasera sono estate.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Gio Set 26, 2013 12:29 pm

Questo album possiede il gioiello principale in "J'arrive", uno dei più grandi capolavori del Nostro il quale, al momento di scriverla non era malato, come qualcuno ha pensato e detto. Egli dipinge in questo quadro la Falciatrice che dialoga con lui e, pur consapevole che dovrà cedere, cerca in tutti i modi di respingerla dal suo orizzonte più intimo che, lui solo, resta l'unico antidoto alla morte.

Mais qu'est-ce que j'aurais bien aimé
Encore une fois prendre un amour
Comme on prend le train pour plus être seul
Pour être ailleurs pour être bien



Di crisantemo in crisantemo
I nostri amici se ne vanno
Perché la sorte condanna a morte,
Anche le nostre Dulcinee.
Di crisantemo in crisantemo
Ogni altro fiore fa fagotto,
Di crisantemo in crisantemo
Si piange tutti e piange tutto.

Arrivo, arrivo.
Ma quanto avrei voluto ancora
Portate le ossa a questa sera
O fino al sole dell'estate,
Fino a domani, a primavera.
Arrivo, arrivo.
Ma quanto avrei voluto ancora
Vedere un fiume che sia un fiume,
Vedere un porto che sia un porto,
Ma alla buon'ora vederci ancora…

Arrivo, arrivo.
Ma perché me? Perché così?
Perché di già e per dove andare?
Arrivo, certo che arrivo.
Ma forse che ho mai fatto qualcos'altro che arrivare?

Di crisantemo in crisantemo
Sempre più soli e superati,
Di crisantemo in crisantemo
Sempre di più sopravvissuti.
Arrivo, arrivo.
Ma quanto avrei voluto ancora
Prender l'amore al volo come
Si prende un treno e andare solo
Con lei altrove e starci bene.

Arrivo, arrivo.
Ma quanto avrei voluto ancora
Poter stellare un corpo amato
D'una passione tanto ardente
Da averne il cuore incenerito.
Arrivo, arrivo.
Lo so che non sei tu in ritardo,
Sono io che faccio un po' aspettare.
Arrivo, certo che arrivo.
Ma forse che ho mai fatto qualcos'altro che arrivare?


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Set 27, 2013 9:44 am

Mentre è a New York nel febbraio 1967 Brel assiste ad una rappresentazione dell'Uomo della Mancha, un "musical" scritto da D. Wasserman, M. Leight e J. Darion. Il primo incontro con Don Chisciotte Jacques l'aveva avuto attraverso il libro di Cervantes, ricevuto in premio ai tempi della scuola. Dice J.B. "Ho subito pensato che D.Q. fosse il più adulto degli adulti e l'ò subito amato e quando ho saputo di quel "musical" sono andato tre volte e mi è preso una tremenda voglia di farne una mia adattazione".
Prima di ottenere i diritti, Brel si deve sottomettere alle esigenze degli autori, ma due mesi dopo è di ritorno con il suo progetto che li conquista e la cosa è fatta, anche se a tre condizioni: 
a) la commedia musicale dovrà essere diretta da Albert Marre, l'uomo che è stato il primo ad aver portato lo spettacolo a Broadway
b) nessuna nota degli arrangiamenti originali dovrà essere modificata
c) soprattutto dovrà essere lui (Jacques Brel) a sostenere il ruolo principale, cosa che non era prevista nel progetto del Nostro.
L'accettazione è immediata, perché noi sappiamo che la semplicità è il marchio dei grandi. Very Happy


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Dom Ott 06, 2013 9:26 am

Brel ha tutte le carte in mano per realizzare il suo ambizioso progetto e si mette all'opera. Perfezionista com'è si fa crescere e tingere i capelli e anche il volto è truccato in modo da accentuare le rughe: deve cancellare l'immagine originale del cantante per sostituirla con la maschera di Don Chisciotte. Poi deve imparare quasi tutto, perché non ha mai parlato, né camminato sulla scena e per dirla con lui: "Non sapevo che cosa significasse essere commediante". Wink
Il 4 ottobre 1968 una parte del pubblico può assistere all'anteprima (a porte chiuse, per un mese) al teatro "De la Monnaie" di Bruxelles. La stampa è entusiasta, il pubblico ancora di più; per Jacques la sfida si è rivelata un trionfo e la "troupe" si concede due settimane di riposo, prima di cominciare le repliche al teatro parigino degli "Camps-élysées".
Dario Moreno, che ha il ruolo di Sancho Panza, muore il 29 novembre per un'emorragia celebrale!  Brel dispose soltanto di dieci giorni per trovare un attore capace di sostituirlo e si rivolge a Robert Manuel, un attore molto bravo che deve imparare d'urgenza il suo ruolo.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mar Ott 08, 2013 9:12 am

Il 10 dicembre la "prima" parigina è coronata da un successo *colossale* e i due uomini pieni di emozione, si abbracciano con un grande affetto, permeato di vittoria. Lo spettacolo è un vero e proprio trionfo di pubblico e di critica e forse uno dei motivi è che Brel, per realizzare questo suo sogno, ha dato al suo pubblico fino all'ultima fibra delle proprio carne! Solo un giornalista esce dal coro dei plaudenti: Jean Dutourd e Jacques nove anni dopo gli dedicherà in "Knokke-Le Zoute tango" queste righe "Elle m'attendait depuis toujours/Cerclée des serpents et des plantes/Parmi le livres de Dutourd ..."
Questo scrittore, per altro talentuoso, sembra proprio non comprendere la poesia e il talento generalista di Brel, sublimati ad es. nella canzone "La quête"



che riassume tutta la filosofia del Nostro: l'essere umano possiede in sé stesso la facoltà prodigiosa di superare tutti gli ostacoli e di inventare il fuoco per trasformare un luogo glaciale, pronto poi a essere dannato per questo. Evil or Very Mad 
Per riassumere, possiamo dire che, pur essendo in Francia la commedia musicale un genere per nulla amato, "L'homme de la Mancha" ottiene un successo senza precedenti, tenendo il cartellone a Parigi per cinque mesi e si chiede di vederlo in tutti i paesi francofoni ed anche negli Stati Uniti e in Italia. Very Happy Ma, vittima di un'intossicazione alimentare che si aggiunge all'enorme fatica di quei mesi, Brel decide di interrompere lo spettacolo. Per questo e  per la magrezza eccessiva, i rumori abbondano, ma il cancro per il momento non c'è.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Gio Ott 10, 2013 2:23 pm

Brel non vede alcun inconveniente che il suo ruolo sia interpretato da qualcun altro, ma tutti gli attori sollecitati arrivano alla stessa conclusione: "Dopo Brel è impossibile!"
Poco prima della conclusione dello spettacolo F.R. Cristiani, giornalista indipendente, era riuscito a riunire intorno ad un tavolo i tre più grandi *monumenti* della canzone francese: Brel, Brassens e Ferré. Questo trio leggendario, bevendo e fumando, si esprime riguardo al proprio mestiere, alle donne e alla morte, ciascuno dei tre rimane fedele alla propria immagine e in definitiva non apporta granché di nuovo.



************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Ven Ott 11, 2013 12:16 pm

Girata la pagina dell' "Homme de la Mancha" Brel accetta di interpretare il ruolo principale in un film di E. Molinaro "Mon oncle Benjamin". La storia si svolge nella Francia pre-rivoluzione e, ormai allenato alla fatica, segue con passione e gradimento corsi di equitazione e di scherma. Il personaggio (Benjamin Rathery) gli assomiglia abbastanza: entrambi possiedono il carattere degli uomini di avventura e di fronda. Dice Brel: "Amo il suo aspetto vendicatore e la sete di libertà, mentre non condivido la sua voglia di pubblicizzare i suoi atti, io mi ritengo un solitario e un nemico di ogni scandalo pubblico". Comunque sia, in questo film, darà una delle sue interpretazioni migliori. Smile


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mer Ott 16, 2013 9:35 am

Nello stesso tempo, Brel, che vola da cinque anni come pilota dilettante, decide di segire un corso alla scuola di Ginevra e, dopo nove mesi, otterrà la licenza di pilota professionista e questo brevetto, dice lui: "E' il pezzo di carta di cui sono più fiero!" Così potrà prendere i comandi di un bireattore a reazione con nove posti e volare, portare il cuore fra nuvole e sfiorare l'inaccessibile stella che scintilla in fondo a tutti i suoi sogni. Wink
Nel giugno 1970 gira Mont-Dragon, dove recita un ruolo piuttosto ignobile e sarà proprio lui a fare le spese dell'ideologia del film: la misoginia del protagonista non favorirà per niente la sua reputazione, ma pur sapendolo Jacques accetta, perché un attore degno del nome deve essere capace di interpretare i ruoli più vari. Fra i collaboratori ritrova A. Levent e con lui progetta piani sempre più completi per poter realizzare un film come regista. A questo proposito ha un ruolo importante anche M. Carné che non esita a confrontare Brel con Gabin e gli insegna tutto quel che può sui rudimenti della sua arte, mentre girano insieme "Assassins de l'ordre". E alla fine Jacques si sente pronto a lanciarsi nella nuova avventura.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Gio Ott 17, 2013 9:31 am

Nel giugno 1971 comincia a girare il suo primo film ambientato fra Ostenda e Bruges. In una pensione di tipo famigliare, ai bordi del Mare del Nord dei piccoli impiegati sono in vacanza ed in questo clima, fatto più di bruma che di sole, i due personaggi (Leon e Leonie) si incontrano. Lui (Brel) è un uomo molto introverso e non troppo capace di vivere e lei (Barbara) si vede come una specie di principessa delusa dalla vita. Attraverso questo idilio i due si inventano un mondo immaginario che provocherà lo scherno e la crudeltà di chi li conosce. Leon, sommerso dagli altri, oltre che da sé stesso cercherà di difendersi, anche eroicamente, prima di accettare la sconfitta e la morte, mentre Leonie ritorna in famiglia, consapevole che quel rapporto era quasi solo un gioco. "Franz" (il titolo del film) non attirerà molto pubblico in sala, ma avrà un successo di stima da parte dei critici, incoraggiante per il regista in erba che confessa: "Mi do dieci anni di tempo per diventare un regista accettabile, ma se un giorno scoprissi come si riesce a realizzare un film di successo, in quel momento cambierei attività".


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Mar Ott 22, 2013 12:20 pm

Claude Lelouche e Lino Ventura erano andati a trovare Brel mentre girava Franz per proporgli una parte nel film "L'avventura è l'avventura". Jacques accetta "a scatola chiusa" perché così potrà osservare il lavoro del grande regista. Il film racconta la storia di cinque rapitori di personaggi famosi, il primo dei quali è Johnny Halliday, che interpreta sé stesso. Jacques apprezza subito le qualità umane del cantante, che da quel lato invece non aveva mai ... E la loro diventa un'amicizia, cementata dalla comune passione per il volo e andranno spesso insieme nell'aereo pilotato da "La gran jacques". Altro punto di contatto: l'insonnia. "Si restava entrambi al bar dell'hotel anche fino alle sette del mattino e, prima di andare a letto, si discuteva su come avrebbe dovuto essere il mondo". E poi, alle dieci, Jacques svegliava Johnny per dirgli: "Levati, che andiamo da qualche parte ... dove ci porta l'aereo". Wink
Nel corso del film, Jacques farà altre due conoscenze determinanti: Lino Ventura e Maddly Bamy, che sarà la sua ultima compagna. Va detto, "en passant", che la vita sentimentale ha conosciuto molto movimento dall'inizio degli anni sessanta.


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink
avatar
Lemond
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3136
Numero di Crediti : 8891
Reputazione CicloSpassionata : 718
Data d'iscrizione : 30.07.13

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Lemond il Sab Ott 26, 2013 8:54 am

La casa discografica Barclay è in gravi difficoltà e Brel non sa come fare per aiutare il suo amico, perché ormai da tempo non scrive più canzoni. Eddie (Barclay) gli propone allora di registrare, con arrangiamenti nuovi, vecchie canzoni emblematiche, che appartengono al catalogo Philps. Questa soluzione non piace per niente a J.B. perché quando un bambino è nato, è nato, non lo si rimette al mondo anni dopo! E anche il pubblico, secondo lui, sarà di questo avviso e non dubiterà un solo istante che si tratta di una semplice operazione di "marketing". Ma, privilegiando l'amicizia, a detrimento della qualità artistica, accetta e l'album "Jacques Brel - luglio 1972" sarà pubblicato, senza però implicazione personale da parte del cantante-attore-scrittore. In quell'anno il nostro artista accumula le disgrazie, perché saprà che il suo più caro amico Jojo è attaccato da un cancro. Evil or Very Mad


************************


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì Wink

Contenuto sponsorizzato

Re: Jacques Romain Georges Brel

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Gio Set 20, 2018 12:41 pm