CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Benvenuto - Welcome
CICLOPASSIONE FORUM CICLISMO

Il salotto virtuale dove discutere di grande CICLISMO - Iscriviti e condividiamo tutti la PASSIONE per il CICLISMO


Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Condividi
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Mer Apr 16, 2014 2:58 pm

Promemoria primo messaggio :

Un 3d per parlare delle novità nell'argomento più ostico dello sport. Nel ciclismo c'è poi anche il cosiddetto doping tecnologico.

Il quotidiano belga Het Nieuwsblad rilancia per l'ennesima volta, dopo la denuncia a gran voce - dopo la Gand-Wevelgem - del medico della Lotto Belisol Jan Mathieu (http://www.spaziociclismo.it/worldtour/cadute-tramadol-sotto-accusa-36721 - http://www.nieuwsblad.be/sportwereld/cnt/dmf20140402_01053091), il sospetto di un abuso da parte di alcuni corridori di alcuni antidolorifici, i cui effetti collaterali si stanno solo ora scoprendo.
http://www.nieuwsblad.be/sportwereld/cnt/dmf20140416_033

Tutto è partito da un tweet "particolare" di ThamesMedical (Thames Medical Ltd), inviato all'Uci ed a Cookson, che denunciava la caduta di questa fiala dalla tasca di un corridore coinvolto in una caduta alla Parigi-Roubaix di domenica.
https://twitter.com/ThamesMedical/statuses/456083356837748736



Non so da cosa possano collegare questa fiala agli antidolorifici, ma di certo la cosa sta avendo un sospetto risalto, la cui ragione andrà approfondita.

Dell'abuso di antidolorifici e della cronicizzazione di alcune problematiche se ne parla da parecchio anche nel calcio, ma sottovoce, anche in relazione ai tanti calciatori ed ex che hanno dovuto combattere con depressioni varie.
Il ciclismo con uno spirito garibaldino se ne sta facendo carico direttamente, e non è una novità.
Ormai il ciclismo è stato destinato alla regolazione dei "problemi di coscienza" dell'intero sport.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Gio Mag 05, 2016 8:39 am

Che dire, forse solo scorrevolezza.....

apache
Gand-Wevelgem
Gand-Wevelgem

Messaggi : 309
Numero di Crediti : 2645
Reputazione CicloSpassionata : 57
Data d'iscrizione : 03.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da apache il Gio Mag 05, 2016 9:16 pm

Premesso che credo nell'uso dei motorini, secondo me in questo caso è il pedale che, nel momento in cui la bici è posata a terra, fa partire la ruota.
In questo caso sono innocentista, ma chiedo agli esperti.
La rotazione poi mi pare estremamente blanda... quale vantaggio darebbe in termini pratici all'atleta? In quanti watt potrebbe essere quantificato considerando che la ruota è libera?


************************


Pippo Pozzato è un personaggio mitologico di twitter, come Not Mauro Vegni
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Gio Mag 05, 2016 10:12 pm

Il tuo post mi suggerisce di fare due precisazioni al mio.
Premetto di non avere gli elementi (personali) per azzardare una analisi tecnica di meccanica e dinamica.

Mi sento di puntare l'attenzione su due cose:
1 - l'aspetto psicologico comportamentale di Costa, anche se non è una prova provata
2 - la novità rappresentata dalla reazione ufficiale sui social della società organizzatrice

Lascio invece a voi sulla analisi sollecitata dal buon Apache.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Mar Mag 24, 2016 3:39 am

Dopo alcune segnalazioni e alcune informazioni che sono arrivate "da inside" nell'ultimo periodo, questa sera, dopo una email di una carissima amica che ama molto il ciclismo, ho deciso di sondare una mia consulente medica "mia ex" e quindi di scrivere un post sulla assurda situazione "di anoressia" degli sportivi endurance nell'ultimo periodo (4-5 anni).

Tra atletica, ciclismo ed altri sport di endurance si sono diffuse negli ultimi anni pericolose tecniche di dimagrimento forzoso accentuato che fanno riferimento all'assunzione di farmaci che sono assolutamente permessi senza limitazioni dalla Wada-Ama, se non nei limiti imposti dalle enunciazioni etiche della stessa circa la definizione di assunzione di farmaco a scopo terapeutico (enunciazioni che naturalmente lasciano il tempo che trovano). In America un noto preparatore di atletica si è mosso in anticipo rispetto ad eventuali modifiche Wada dicendo che il 5% dei suoi atleti soffre di ipotiroidismo.
https://wada-main-prod.s3.amazonaws.com/resources/files/wada-2015-prohibited-list-en.pdf

Non è un mistero e se ne parla sempre più dell'anoressia nello sport come di una piaga che viene assolutamente ignorata dagli organi competenti.
Negli ultimi tempi sono stati verificati casi di effetti collaterali seri in sportivi che avevano assunto ormoni tiroidei (il T3 o Triiodotironina e il T4 o Levotiroxina) unitamente a diuretici.

L'effetto collaterale più grave di queste sostanze, assolutamente lecite (!!!), è lo scompenso cardiaco, con annesse aritmie e rischi concreti di infarto.
http://www.dopinglinkki.fi/en/info-bank/doping-substances/thyroid-hormones

L'effetto di un eccesso di assunzione di ormoni tiroidei sono un accelerato metabolismo con conseguente forte dimagrimento, stati ansiogeni, squilibrio mentale e talvolta, come detto, pericolose aritmie cardiache, diarrea, diminuzione della tolleranza di temperatura, insonnia, agitazione, e anche psicosi.
In particolare è il caso di soffermarsi sul problema della diminuzione della tolleranza alla temperatura che negli ultimi anni potrebbe spiegare il terrore di molti sportivi per le mutate condizioni atmosferiche anche in mesi estivi. Come si vede non è la temperatura rigida a creare problemi ma proprio il meccanismo della regolazione della compensazione fisica alla variazione della temperatura.
A questi effetti collaterali aggiungiamo poi che spesso gli atleti assumono caffeina, sostanza non più vietata, che però si aggiunge agli effetti dell'insonnia.

Oltretutto, l'eccipiente di uno di questi farmaci contiene lattosio e coloro che sono intolleranti a questa sostanza fanno ricorso, con non pochi rischi circa i dosaggi, ai cosiddetti farmaci analoghi generici, in quanto il brevetto della Levotiroxina è scaduto nel 2013.
http://www.osservatoreitalia.it/index.asp?art=5459

L'abuso di dosi di tiroxina porta a tireotossicosi. I sintomi sono febbre alta, scompenso cardiaco e coma.
Il sovradosaggio di ormoni tiroideidei sono causa di morte.

Durante lo scorso anno si era sparsa la voce, raccolta dal Wall Street Journal, che questi ormoni sarebbero stati inseriti nella lista dei prodotti proibiti della Wada-Ama, ma così non avvenne.
http://www.wsj.com/articles/thyroid-medication-could-be-added-to-banned-substance-list-1436221098

La lobby svizzera del farmaco ebbe forse buon gioco a mantenere inalterata la lista su questo fronte.
Non c'entra nulla col tema in questione, solo una curiosità, ma nel ciclismo c'è un team secretary che è stato controller finanziario e procuratore della farmaceutica in questione.

A parte divagazioni, è evidente a tutti che questa situazione di deficit sanitario è giunta al culmine e necessita di un correttivo prima possibile.
L'antidoping non deve servire solo a regolare conti politici, ma TALVOLTA anche a preservare la salute delle persone che competono nello sport.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Mar Mag 24, 2016 1:57 pm

Leggere un post come questo fa paura. Tante pasticche ingurgitate "sotto controllo medico" causano tanti effetti collaterali e nessuno se ne preoccupa. E' il business dei soloni sulla vita dei ciclisti e non solo.
A noi comuni mortali viene raccomandato di non eccedere coi medicamenti perchè fan male......a questi viene raccomandato il contrario?
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Ven Mag 27, 2016 11:30 pm

La paura ... già.
E la paura aumenta a sentire questo ex "oggi maledetto", Jorg Jaksche che in questa intervista ... mamma mia. scratch
Prepararsi per la permanente: Embarassed
http://velonews.competitor.com/2016/05/news/puerto-refugee-jaksche-remains-skeptical-a-wolf-cannot-change-its-fur_407024


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Sab Mag 28, 2016 8:28 pm

Perchè se ne parla solo e sempre nel ciclismo?
Che succede negli altri sport?
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Sab Mag 28, 2016 9:08 pm

@vallelvo ha scritto:Perchè se ne parla solo e sempre nel ciclismo?
Che succede negli altri sport?
Ti rispondo qua a bruciapelo, ma poi altrove argomenterò.

Cosa succede?
Lo stesso. Nessuna differenza.
Però nel ciclismo c'è chi ha "libertà di uccidere" e chi invece deve chiedere il porto d'armi.
Figli e figliastri. Questo toglie senso all'antidoping e la rende uno strumento di pressione.
Nell'atletica sta avvenendo lo stesso, ma la guerra è scoppiata ad alti livelli, dove l'equilibrio fra le coperture politiche si è rotto per una guerra politica, ma della politica vera, quella delle nazioni.

Nel ciclismo c'è invece una multinazionale che si è fatta stato e clan e ha messo la sua sede in un paese che la protegge nelle sue malefatte (per ora).


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Sab Giu 18, 2016 6:58 pm

Esiste il doping degli sfigati ed esiste il doping, o le ricerche (sui cui fini ci sarebbe da aprire fiumi di discussione), della fantascienza, quello che quando ne parli diventi complottista, quello che nessuno fermerà prima di qualche decennio di sfruttamento "commerciale".

Mi aveva colpito parecchio a suo tempo nel 2013 la faccenda di un team scientifico brasiliano che conduceva esperimenti sulle performance sportive dei ciclisti a seguito di elettrostimolazione cerebrale.
Pensavo sotto sotto che fosse una di quelle cose di qualche scienziato pazzo di origine germanica (erede magari di un Mengele), ma questa volta la cosa è molto seria perché l'esperimento è condotto dalla Red Bull:
http://www.runnersworld.com/sweat-science/the-new-brain-doping


Nella foto la biker Rebecca Rusch al test di stimolazione cerebrale presso la sede della Red Bull a Santa Monica in California il 19 maggio 2014.

La pratica si chiama stimolazione transcranica a corrente continua (tDCS).
Prendo dall'articolo:
"E' affascinante dal punto di vista della ricerca, perché ci offre qualche informazione sulla natura dei nostri limiti. Se la stimolazione dei nostri neuroni aumentasse la resistenza, ciò suggerirebbe che anche quando stiamo spingendo "a tutta", i nostri muscoli hanno ancora un po 'di capacità di riserva. Ulteriori esperimenti effettuati con la tDCS (in particolare dal gruppo di ricerca di Lex Mauger presso l'Università di Kent) stanno già cominciando a porre nuova luce sulla interazione tra cervello e corpo.

La prospettiva di incrementare le prestazioni atletiche attraverso la stimolazione del cervello è naturalmente allettante anche per gli atleti. Già nel 2014 ho visitato la sede della Red Bull in California nel corso di un campo di ricerca di cinque giorni, nei quali hanno testato alcuni dei loro ciclisti e triatleti elite con e senza tDCS, e probabilmente si parlò di risultati inconcludenti.

Nel corso di una conferenza in marzo, Mauger ha presentato alcuni risultati preliminari che mostrano ancora una volta un aumento delle prestazioni ciclistiche (senza variazione della frequenza cardiaca o livelli di lattato) a seguito della stimolazione tDCS. Al contrario, presso la  riunione annuale dell'American College of Sports Medicine all'inizio di questo mese, un altro gruppo brasiliano ha presentato dati che mostrano come non si sia riusciti a trovare alcun miglioramento in lavori veloci ripetuti.

Tutto questo mi porta a pensare ai Golden State Warriors e alle cuffie tDCS che possono o non possono essere utilizzate nel loro tentativo di raggiungere un altro titolo NBA nella notte di giovedi. Le cuffie sono fatte da una società chiamata Halo Neuroscience; l'idea è che se si indossano per 20 minuti prima di un allenamento, si mette il cervello in uno stato di plasticità che permette di ottenere maggiori guadagni durante l'allenamento."


Vale la pena notare come ci siano somiglianze tra le cuffie tDCS e altri temi trattati, apparentemente non correlati sui quali ho scritto di recente, come il test del DNA per orientare la formazione e la cura per i crampi muscolari.
In ogni caso è affascinante, ma la ricerca preliminare ha fatto il salto verso l'essere un prodotto di consumo, e nel processo alcuni dettagli sono stati tenuti nascosti come fossero informazioni proprietarie e lo standard prevalente da elemento di prova si è ridotto ad osservazioni di relazioni di casistica e a studi non condivisi.

Quello che mi auguro, quando scrivo di questi prodotti, è bilanciare l'entusiasmo per nuove idee fresche con il contesto su quanto siano lontane e flebili siano le prove dietro di loro.
Anche se tDCS funzionasse, saremmo lontani dal sapere esattamente come usarlo, quando usarlo, o anche su quali parti del cervello applicarlo.
Ma se funzionasse, anche se solo in certe condizioni molto limitate, sarebbe altrettanto sorprendente.


A parte quanto analizzato nell'interessante articolo, mi chiedo quanto sia "etico" l'esperimento della Red Bull e soprattutto quali potessero essere le finalità di quella ricerca.
Infine, siamo proprio sicuri che che usare i propri atleti per esperimenti di questo genere sia sportivamente corretto?
Questo è uno di quei casi in cui il futuro mi spaventa.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Sab Giu 18, 2016 7:51 pm

Questi atleti accettano tutto?
E' il mondo che cambia, non ci sono più limiti a quanto pare.

prof
E3 Harelbeke
E3 Harelbeke

Messaggi : 1032
Numero di Crediti : 4472
Reputazione CicloSpassionata : 80
Data d'iscrizione : 07.05.14

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da prof il Sab Giu 18, 2016 8:53 pm

Nel futuro ci viviamo già e, come diceva qualcuno, non sembra così' eccitante.
E' un futuro che vede figli concepiti in provetta ed altre amenità del genere: forse siamo già nel post-futuro, forse è la fine del mondo.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Gio Giu 30, 2016 1:14 pm

Ciclismo spazzacamino così scrive Ormezzano su Cicloweb.
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Gio Giu 30, 2016 1:25 pm

@vallelvo ha scritto:Ciclismo spazzacamino così scrive Ormezzano su Cicloweb.
Peccato che pochi ne possano capire il significato profondo.
Credo che in Valle Vigezzo esista un museo dedicato a questi sporchi professionisti, che poi erano poco più che bambini, che in funzione del loro fisico minuto venivano infilati nella canne fumarie per ripulirle, sporcandosi nel contempo i polmoni di polveri sottili e fuliggine.
La definizione affettuosa di "sporchi professionisti" non è assolutamente casuale.
Me lo vado a leggere.


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Gio Giu 30, 2016 1:40 pm

A noi bambini venivano raccontate queste storie vere e ci specchiavamo nei piccoli spazzacamini.

vallelvo
Giro di Lombardia
Giro di Lombardia

Messaggi : 3067
Numero di Crediti : 10374
Reputazione CicloSpassionata : 573
Data d'iscrizione : 05.08.13

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da vallelvo il Ven Lug 01, 2016 9:35 pm

Al Tour de France sono stati autorizzati controlli in piena notte per scoprire piccole dosi di EPO.
avatar
BenoixRoberti
Tour de France
Tour de France

Messaggi : 7693
Numero di Crediti : 23498
Reputazione CicloSpassionata : 259
Data d'iscrizione : 31.07.13
Età : 52
Località : Milano

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da BenoixRoberti il Mar Gen 31, 2017 1:25 pm

I motorini utilizzati sin dal 1998, anno della prima ricerca commissionata, e dal 1999 in esclusiva al re decaduto. Poi, finita l'esclusiva, sono arrivati i baronetti molto baroni.

http://www.cbsnews.com/news/60-minutes-investigates-hidden-motors-and-pro-cycling/


************************


Il più pulito ha la rogna, e chi più ha la rogna comanda lo sport.

Contenuto sponsorizzato

Re: Doping - Nuove frontiere - Sostanze, Pratiche e Motorini

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Dom Giu 24, 2018 1:12 pm